Filtri

Strategie d’Area e Governance


La Strategia nazionale per le aree interne, prevista dal Programma nazionale di riforma, è disciplinata dalle Delibere CIPE n. 9 del 2015, n. 43 del 2016, n. 80 del 2017, n. 52 del 2018 e n. 72 del 2019 – in attuazione delle indicazioni contenute nell’Accordo di Partenariato per l’Italia 2014-2020 (sezioni 1 e 3) – ed è finanziata con risorse a carico delle disponibilità del Fondo di rotazione ex Legge n. 183/1987 attraverso leggi di bilancio che si sono succedute (Legge 27 dicembre 2013 n. 147; Legge 23 dicembre 2014, n. 190; Legge 28 dicembre 2015, n. 208; Legge 27 dicembre 2017 n. 205).

L’autorizzazione di spesa a favore delle aree interne, inizialmente pari complessivamente a 281,18 milioni di euro destinati al finanziamento di interventi in 72 aree (nella misura di circa 3,74 milioni di euro per ciascuna), è stata recentemente incrementata per effetto di provvedimenti successivi che, in linea con quanto previsto dal Piano per il Sud in relazione al potenziamento e al rilancio della Snai, hanno raddoppiato (da 281,18 a 591,18 milioni di euro) le risorse destinate alle Aree Interne.

Nel dettaglio, la legge n. 160 del 2019 (legge di bilancio per il 2020) ha incrementato l’autorizzazione di spesa a carico del Fondo di rotazione di complessivi 200 milioni di euro per il triennio 2021-2013 ed ulteriori risorse sono state destinate dal decreto legge n. 104 del 14 agosto 2020 al rafforzamento e all’ampliamento della Snai, per cui l’autorizzazione di spesa è stata incrementata di 10 milioni di euro per il 2020 a carico del Fondo di rotazione e di 100 milioni di euro per l’anno 2021 a carico del Fondo per lo Sviluppo e la  Coesione.

A tali stanziamenti si sommano ulteriori risorse destinate alle aree svantaggiate; la legge 160 del 2019 ha istituito un fondo di sostegno alle attività economiche, artigianali e commerciali con una dotazione di 30 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020, 2021 e 2022, a valere su risorse FSC e destinato ai comuni presenti nelle aree interne; la dotazione complessiva del Fondo è stata poi incrementata di ulteriori 120 milioni di euro dall’art. 243 del decreto legge n. 34 del 19 maggio 2020 (dl rilancio). Infine, la legge n. 77 del 2020 ha messo a disposizione 99 milioni di euro destinati, principalmente, alla realizzazione di interventi di sostegno alle popolazioni residenti nei comuni svantaggiati.

La governance della Strategia è definita dalla Delibera CIPE n. 9 del 2015 e s.m.i., che istituisce il “Comitato tecnico aree interne”, coordinato dal Dipartimento per le politiche di coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con competenze sui processi di selezione delle aree, sulla definizione delle strategie d’area e sulla verifica del rispetto dei cronoprogrammi. Il Comitato è inoltre composto da: Agenzia per la coesione territoriale, Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Ministero dell’istruzione, Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, ANPAL, Ministero della salute, Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, Dipartimento per gli affari regionali e le autonomie e Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica della Presidenza del Consiglio dei ministri, ANCI – IFEL, CREA, INAP, UPI, Regione/Provincia autonoma interessata.

Regioni

Abruzzo 

Basilicata

Calabria

Campania

Emilia Romagna

Friuli Venezia Giulia

Lazio

Liguria

Lombardia

Marche

Molise

Piemonte

Puglia

Sardegna

Siciliana

Toscana

Umbria

Valle d’Aosta

Veneto

Province autonome

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Bolzano