Filtri

Organi dell’Agenzia


Direttore generale dell’Agenzia

Il Direttore generale è il legale rappresentante dell’Agenzia ed è responsabile della gestione e dell’attuazione degli obiettivi definiti negli atti di indirizzo e programmazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri o dell’Autorità politica ove delegata.

In particolare cura i rapporti con le istituzioni e le amministrazioni pubbliche nazionali, europee e internazionali, nonché con le  regioni e le autonomie locali, in coerenza con le finalità e gli indirizzi di cui agli articoli 1 e 2 dello Statuto dell’Agenzia.

Il Direttore generale, sentito il Comitato direttivo, entro il 31 gennaio di ogni anno presenta al Presidente del Consiglio dei Ministri un piano di durata triennale, aggiornato annualmente, nel quale  sono contenuti gli obiettivi, i risultati attesi, l’entità e le modalità dei finanziamenti da accordare all’Agenzia stessa, le  strategie per il miglioramento dei servizi, le modalità di verifica dei risultati di gestione, le modalità necessarie ad assicurare al Presidente del Consiglio dei Ministri o all’Autorità politica ove delegata  la conoscenza dei fattori gestionali interni all’Agenzia, quali l’organizzazione, i processi e l’uso  delle risorse. Il  piano è definito mediante stipula di apposita convenzione tra il Presidente del Consiglio dei Ministri o l’Autorità politica ove delegata e il Direttore dell’Agenzia. Del piano è data  informativa in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano.

Per approfondimenti clicca qui

Comitato Direttivo

Il Comitato direttivo, di seguito “Comitato”, e’ nominato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri o dell’Autorita’ politica ove delegata.
Il Comitato, oltre al Direttore generale dell’Agenzia che lo presiede, e’ composto da quattro membri, di cui due dirigenti dei principali settori di attivita’ dell’Agenzia e due rappresentanti delle Amministrazioni territoriali designati dalla Conferenza unificata, di cui uno in rappresentanza delle Regioni e l’altro in rappresentanza degli Enti locali.
I componenti del comitato restano in carica tre anni. L’incarico e’ rinnovabile una sola volta e non comporta alcuna forma di compenso. I componenti designati dalla Conferenza Stato-Regioni e dalla Conferenza Stato-Citta’ non possono svolgere in qualsiasi forma attivita’ attinente ai compiti dell’Agenzia o degli altri organismi che coadiuvano l’Agenzia nello svolgimento dei propri compiti istituzionali.
Con le medesime modalita’ previste per la nomina si procede anche alla sostituzione dei singoli componenti cessati per qualsiasi causa dall’incarico. Il Comitato organizza i propri lavori secondo le disposizioni del regolamento di organizzazione dell’Agenzia.

Collegio dei Revisori dei Conti

Il Collegio dei revisori dei conti, di seguito “Collegio”, e’ nominato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri o dell’Autorita’ politica ove delegata, ed e’ composto, ai sensi dell’art. 16 della legge 31 dicembre 2009, n. 196, da un Presidente, designato dal Presidente del Consiglio dei Ministri e da due membri, di cui uno designato dal Ministero dell’economia e delle finanze e
l’altro dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, scelti fra gli iscritti al Registro dei revisori legali o tra persone in possesso di specifica professionalita’. E’ altresi’ nominato un componente supplente. I membri del collegio restano in carica tre anni e possono essere riconfermati nell’incarico una sola volta. I compensi dei membri del Collegio dei revisori sono stabiliti con decreto dal Presidente del consiglio dei Ministri, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze e sono posti a carico del bilancio
dell’Agenzia.
Ai membri del collegio dei revisori si applica l’articolo 2399 del codice civile. I componenti del Collegio non possono partecipare, in qualsiasi forma, alle attivita’ attinenti le competenze dell’Agenzia o di altri organismi che svolgono compiti, in qualsiasi modo, collegati alle attivita’ dell’Agenzia.