Filtri

Sport e sostenibilità per migliorare le nostre società: al via la Settimana europea dello sport


da 23 Settembre 2020 a 30 Settembre 2020 -
Eventi
-

Europa

Ripartire dallo sport per promuovere gli stili di vita sani e attivi, il benessere fisico e mentale. Dal 23 al 30 settembre torna l’appuntamento annuale con la Settimana europea dello sport, l’iniziativa lanciata dalla Commissione europea nel 2015, e gestito dal Dipartimento dello Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri in collaborazione con Sport e Salute, che anche quest’anno coinvolgerà l’Italia insieme a oltre 40 Paesi UE ed extra UE.

Quest’anno la manifestazione sostiene e accompagna la ripresa dell’attività sportiva come auspicio per il ritorno alla normalità, in una fase in cui è comunque fondamentale rispettare le attuali restrizioni e il distanziamento sociale imposti a causa dell’emergenza sanitaria ancora in corso.

Il palinsesto prevede numerose proposte di eventi, appuntamenti e attività che sarà possibile seguire in alcuni casi in presenza, in alternativa sui canali web e social di Sport e Salute e attraverso gli hashtag ufficiali della manifestazione. Oltre ai grandi campioni dello sport che porteranno le loro testimonianze, interverranno l’ISMEA (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) e il CREA (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria) per sensibilizzare i giovani partecipanti sull’importanza e sui benefici legati ad un’alimentazione sana e corretta.

Tra le diverse iniziative in programma anche un ciclo di 5 webinar tematici rivolti ai ragazzi delle scuole primarie e superiori, che traggono ispirazione dai valori legati alle iniziali della parola SPORT: Salute, Perseveranza, Obiettivi, Resilienza, Tenacia.

Sarà dunque un’edizione particolare, caratterizzata prevalentemente sulla promozione dei benefici derivanti da una corretta attività fisica, con l’obiettivo di sensibilizzare i ragazzi sull’importanza della pratica sportiva per la salute, il benessere pscicofisico e la crescita personale soprattutto dei giovani che saranno chiamati a costruire l’Europa del futuro. Dallo sport, infatti, scaturiscono azioni e riflessioni per trasformare e migliorare le nostre società grazie ai valori universali di rispetto, dialogo e comprensione, riconosciuti in tutto il Mondo, da popoli e culture diversi.

L’ONU sostiene il ruolo dello sport attraverso il suo linguaggio universale, i suoi valori di universalità e armonia, nel raggiungere gli Obiettivi dell’Agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile: economia verde, resilienza delle città, salubrità degli ambienti. Ed è con questo presupposto che nel 2017 l’Unesco, durante la sesta conferenza internazionale dei Ministri e alti funzionari responsabili per l’educazione fisica e lo sport, ha reso operativo il piano di Kazan, un accordo globale che inserisce la pratica sportiva negli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda ONU 2030.

“Lo sport interviene su molti dei goal fissati: garantisce una vita sana e promuove il benessere di tutti, garantisce istruzione di qualità, uguaglianza di genere, promuove la crescita economica e il lavoro dignitoso, riduce le disuguaglianze tra i paesi, rende le città resilienti, sicure e sostenibili ed infine, promuove le società pacifiche. È un’opportunità unica per i Paesi e le organizzazioni sportive di tutto il mondo. Il contributo dello sport allo sviluppo umano è unico.”

Mantenere uno stile di vita sano e attivo è importante per il benessere fisico e mentale.  “Lo Sport fa bene! Ovunque tu sia… a casa, a lavoro, in palestra, da solo o in compagnia è sempre l’ora giusta per fare attività fisica!”

#BeActive #BeActiveAtHome #BeActiveNight

@SporteSaluteSpA

 

Approfondimenti:

Sport e Salute

Programma degli eventi

Rappresentanza della Commissione europea- news

Dipartimento per lo sport

Sport e sostenibilità: il Piano di Kazan

Agenda ONU 2030 per lo sviluppo sostenibile