Amministrazione trasparente

trasparenza5

Il principio della trasparenza, inteso come «accessibilità totale» alle informazioni che riguardano l'organizzazione e l'attività delle pubbliche amministrazioni, è stato affermato con il  decreto legislativo  n. 33 del 14/03/2013 di  riordino della disciplina relativa agli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni. Obiettivo della norma è quello di favorire un controllo diffuso da parte del cittadino sull'operato delle istituzioni e sull'utilizzo delle risorse pubbliche.
In particolare, la pubblicazione dei dati in possesso delle pubbliche amministrazioni intende incentivare la partecipazione dei cittadini per i seguenti scopi:
 
  • assicurare la conoscenza dei servizi resi, le caratteristiche quantitative e qualitative, nonché le modalità di erogazione
  • prevenire fenomeni corruttivi e promuovere l'integrità sottoporre al controllo diffuso ogni fase del ciclo di gestione della performance per consentirne il miglioramento.
In questa sezione sono pubblicati i dati, le informazioni e i documenti che riguardano l’Agenzia per la Coesione Territoriale, in tutte le sue articolazioni.
Si avverte che i dati personali contenuti nei documenti pubblicati per le finalità proprie previste dalla normativa sulla trasparenza non sono riutilizzabili per scopi diversi da quelli per i quali ha avuto luogo la pubblicazione (condizioni previste dalla normativa vigente sul riuso dei dati pubblici - direttiva comunitaria 2003/98/CE e d.lgs. 36/2006 di recepimento della stessa). È illecito, ad esempio, riutilizzare a fini di marketing o di propaganda elettorale i recapiti e gli indirizzi di posta elettronica del personale della P.A. oggetto di pubblicazione obbligatoria. La sezione è in continuo aggiornamento.
 


Prevenzione della corruzione e Trasparenza  

Responsabile per la prevenzione della corruzione e Trasparenza

dott. Alberto Versace - Dirigente generale Area Progetti e Strumenti

 Via Sicilia 162/c – 00187 Roma
Tel: (+39) 06 96517883 
 
 
 
 Poteri Sostitutivi 
 in corso di definizione
 
Il privato, decorso inutilmente il termine per la conclusione del procedimento di interesse, può rivolgersi  al responsabile dell’Amministrazione che si sostituisce al dirigente competente per concludere il procedimento entro un termine pari alla metà di quello originariamente previsto.
E’ quanto previsto dalla nuova normativa in materia di semplificazione introdotta dall’articolo 1 del decreto legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito in legge 4 aprile 2012, n. 35 che ha modificato l’articolo 2 della legge 7 agosto 1990, n. 241, recante “Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativo”.L'Agenzia per la coesione territoriale  ha individuato i soggetti titolari del potere sostitutivo nei direttori generali preposti alle strutture nel cui ambito ricade l’emanazione del provvedimento richiesto.
 
 
 Accesso Civico   
In corso di definizione
 
Responsabile per l'accesso civico 
 
Modalità per l'accesso civico 
La richiesta di accesso civico,  va presentata al responsabile dell’Accesso civico ai recapiti su indicati. L’amministrazione entro 30 giorni procede alla pubblicazione nel sito del documento, dell’informazione o del dato richiesto e lo trasmette contestualmente al richiedente, ovvero comunica al medesimo l’avvenuta pubblicazione, indicando il collegamento ipertestuale a quanto richiesto.
Se il documento, l’informazione o il dato richiesti risultano già pubblicati nel rispetto della normativa vigente, l’amministrazione indica al richiedente il relativo collegamento ipertestuale.
Nel caso di ritardo o mancata risposta il richiedente può ricorrere al titolare del potere sostitutivo ( ai sensi del’art.5, comma 4 del d.lvo 33/2013) L'Agenzia per la coesione territoriale  ha individuato i soggetti titolari del potere sostitutivo nei direttori generali preposti alle strutture nel cui ambito ricade l’emanazione del provvedimento richiesto.  
 
 
 

Nota
Secondo quanto previsto dal D. Lgs. 36/2006 recante “Attuazione della direttiva 2003/98/CE relativa al riutilizzo di documenti nel settore pubblico”, si informano gli utenti che i dati pubblicati nella sezione Amministrazione trasparente non possono essere riutilizzati per scopi commerciali e comunque con finalità diverse da quelle per le quali sono stati raccolti e prodotti.