PIANO DI AZIONE COESIONE

Nel corso del 2011 è stata avviata, di intesa con la Commissione Europea, l’azione per accelerare l’attuazione dei programmi cofinanziati dai fondi strutturali 2007-2013 sulla base di quanto stabilito dalla Delibera CIPE 1/2011 e puntualmente concordato nel Comitato Nazionale del Quadro Strategico Nazionale (riunione del 30 marzo 2011) da tutte le Regioni, dalle Amministrazioni centrali interessate e dal partenariato economico e sociale.
 
Questa azione di accelerazione ha prodotto alcuni significativi risultati in termini di avanzamento finanziario dei programmai operativi. Allo scopo di consolidare e completare questo percorso è stato predisposto il Piano di Azione Coesione, inviato il 15 novembre 2011 dall’allora Ministro per i Rapporti con le Regioni e per la Coesione Territoriale al Commissario Europeo per la Politica Regionale.
 
Il Piano di Azione Coesione ha l’obiettivo di colmare i ritardi ancora rilevanti nell’attuazione e, al contempo, rafforzare l’efficacia degli interventi, in attuazione degli impegni assunti con la lettera del Presidente del Consiglio al Presidente della Commissione Europea e al Presidente del Consiglio Europeo del 26 ottobre 2011 e in conformità alle Conclusioni del Vertice dei Paesi Euro dello stesso 26 ottobre 2011.
 
Il Piano di Azione Coesione impegna quindi le amministrazioni centrali e locali a rilanciare i programmi in grave ritardo, garantendo una forte concentrazione delle risorse su alcune priorità. L’intervento, definito tenendo conto degli esiti del confronto con il partenariato istituzionale ed economico-sociale, si attua sulla base di quattro principi:
 
  • concentrazione su tematiche di interesse strategico nazionale, declinate regione per regione secondo le esigenze dei diversi contesti, attraverso un confronto tecnico fra Governo e Regioni;
  • definizione di risultati obiettivo in termini di miglioramento della qualità di vita dei cittadini;
  • “cooperazione rafforzata” con la Commissione europea;
  • azione di supporto e affiancamento da parte di centri di competenza nazionale.
Per ogni priorità individuata dal Piano vengono definiti i risultati attesi dalla realizzazione degli interventi pianificati.
 

Versioni e aggiornamenti:

31 ottobre 2013

Aggiornamento dello stato di attuazione

 11 ottobre 2012 

III. Misure anticicliche e salvaguardia dei progetti avviati

09 ottobre 2012

11 maggio 2012.

Aggiornamento II. Fondi Comunitari per lo sviluppo del SUD
This second update of the Cohesion Action Plan is an important step because the reprogramming of EU co-financed funds addressed to Italy’s Southern Regions  goes ahead, aiming to accelerate and, notably, improve funds use.

3 febbraio 2012. 

15 dicembre 2011. 

15 novembre 2011.