Metodologia

 
Il progetto CPT si basa su una struttura metodologica complessa che viene trasferita a tutti gli utilizzatori del dato in maniera chiara e trasparente. Per tale motivo tutte le procedure sono esplicitate in modo puntuale e in formato accessibile.
 
Solo un utente pienamente informato e consapevole degli strumenti che gli vengono forniti può utilizzare correttamente i dati e analizzare in maniera efficace quanto estratto dalle interrogazioni alla Banca dati CPT.
 
In queste pagine viene ricostruito un quadro metodologico sintetico ma, al tempo stesso, organico e completo; tuttavia, per ogni dettaglio o approfondimento necessario si rinvia alla Guida ai Conti Pubblici Territoriali.
 
 

Categorie economiche                    

 Le Categorie economiche adottate dal Sistema CPT sono riassunte nella tabella di seguito scaricabile Categorie economiche CPT – entrate e spese.
Tale schema è stato elaborato per rendere confrontabile un universo ampio ed eterogeneo quale quello dei CPT, in assenza di una classificazione uniforme per tutte le categorie economiche degli enti pubblici della PA, e pervenire così a conti consolidati che comprendono voci di spesa e di entrata sostanzialmente omogenee.
  
In funzione di specifici usi dei dati CPT vengono effettuate, senza alterare la natura finanziaria del dato di base, rielaborazioni ad hoc al fine di consentire la piena rispondenza a regole comunitarie o la confrontabilità con altri aggregati della finanza pubblica.
 
In particolare:
  •  per la spesa in conto capitale al netto delle partite finanziarie, quindi coerente con la Contabilità Nazionale, le categorie economiche considerate sono la spesa in conto capitale al netto delle Concessioni di crediti e anticipazioni e delle Partecipazioni azionarie e conferimenti
  •  per la spesa connessa allo sviluppo, le Categorie economiche considerate sono la spesa in conto capitale al netto delle partite finanziarie e la spesa corrente per la formazione professionale.
freccia su grigia