Social media policy

L’Agenzia per la coesione territoriale (di seguito “Agenzia”) utilizza per la comunicazione istituzionale i canali social per finalità istituzionali e per informare le Pubbliche Amministrazioni coinvolte nel ciclo di vita delle politiche di coesione, le imprese, gli stakeholder e i cittadini tutti sulle proprie attività, sulle opportunità offerte dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei e sui risultati concreti raggiunti nell’ambito dell’attuazione delle politiche di sviluppo.

I canali social rappresentano uno strumento di ascolto secondo quanto previsto dalla Legge n. 150 del 7 giugno 2000 “Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni”, e rappresentano un mezzo di comunicazione per la facilitazione dell’accesso ai servizi offerti dall’Agenzia.

L’Agenzia è attualmente presente sui seguenti canali social:

- Twitter (@agenziacoesione – @CDE_AgCoesione)

- Instagram (@agenzia_coesione)

- Youtube (https://www.youtube.com/channel/UCuvVjMNGwaDIKE-N2MMvbxQ)

Nel corso del 2018 sarà avviata la pagina Facebook istituzionale per favorire una maggiore diffusione dei contenuti proposti dall’Agenzia e una rilevante interazione con i diversi pubblici di riferimento.

Ad essa si aggiungerà il lancio della pagina Facebook del Centro di Documentazione Europea dell’Agenzia (di seguito “CDE”), che dovrebbe avvenire entro febbraio 2018. Entrambe le pagine, unitamente agli altri canali social, potranno supportare adeguatamente le iniziative di comunicazione previste nell'ambito dell'Anno europeo del patrimonio culturale 2018 e tutte le altre campagne di comunicazione dei CDE. Attraverso i canali social e le nuove piattaforme di comunicazione che saranno attivate nel corso del 2018, si intende quindi rilanciare e diffondere i contenuti e i risultati delle varie attività, nonchè promuovere gli eventi attraverso live tweeting e dirette live su Facebook, favorire la partecipazione e l’ascolto dei cittadini nell’ottica della trasparenza e della condivisione.

Sui canali social saranno condivisi contenuti testuali, video, immagini, infografiche e altri contenuti multimediali al fine di agevolare la fruibilità del “racconto delle politiche di coesione”. I contenuti sono da considerarsi in licenza Creative Commons CC BYND 3.0 e possono essere riprodotti liberamente pur citando la fonte e il canale originale di diffusione e promozione.

Saranno favorite e garantite “interazioni istituzionali” con le altre Pubbliche Amministrazioni, le imprese, gli influencer, gli attori titolati che veicoleranno contenuti relativi alle politiche di coesione, gli stakeholders e i cittadini.

Le interazioni che saranno attivate consisteranno in retweet e “mi piace” ai contenuti proposti su altri account/profili e nella condivisione e rilancio di post, immagini, video e contenuti di pubblico interesse prodotti da terzi.

I contenuti e le interazioni con i diversi pubblici di riferimento dovranno mantenere toni rispettosi. E’ confermato ampiamente il diritto di tutti a manifestare liberamente la propria opinione e intervenire senza alcun limite di sorta sui canali social dell’Agenzia. Si conferma, pur tuttavia, che gli argomenti proposti dall’Agenzia e dagli utenti dovranno avere al centro l’interesse pubblico.

Ferme restando le competenze dell’Agenzia nel ciclo di vita delle politiche di coesione e in particolar modo nella fase di attuazione delle stesse, si rammenta che non troveranno spazio sui canali social i cosiddetti “casi personali”.

Sarà garantita, inoltre, l’osservanza delle basilari norme e regole di correttezza, rispetto delle opinioni altrui e privacy.

Resta fermo l’impegno a voler impedire:

§  commenti e post contenenti turpiloquio, minacce, offese e insulti;

§  atteggiamenti che possano ledere e mettere in pericolo la dignità della persona, comportamenti e contenuti violenti o anche solo inappropriati nei confronti dei diversi pubblici di riferimento (intervenuti o meno nella discussione e nelle interazioni) e dei gestori/moderatori dei canali social;

§  contenuti che manifestino espressamente carattere discriminatorio per genere, razza, etnia, lingua, credo religioso, opinioni politiche, orientamento sessuale, età, condizioni personali e sociali;

§  contenuti che ledano i principi fondamentali di libertà e uguaglianza;

§  post e commenti con finalità di marketing, pubblicità e promozione commerciale;

§  commenti e post che fanno riferimento a contenuti non verificabili da parte dell’Amministrazione che gestisce e modera i canali social;

§  commenti e post che contengono contenuti illeciti o l’incitamento a compiere attività illecite;

§  commenti e post che presentano contenuti a carattere osceno, pornografico o pedopornografico che possano offendere la morale comune e la sensibilità dei diversi pubblici;

§  commenti e post che fanno riferimento a dati sensibili e non divulgabili;

§  commenti e post “off topic” (previa segnalazione e invito alla moderazione);

§  commenti e post che verranno qualificati come “spam”;

§  commenti e post che avranno l’unica finalità di disturbare la discussione (cosiddetti “trolling” o “flame”);

§  commenti e post che avranno un contenuto politico o propagandistico.

Verranno messe in atto, inoltre, tutte le azioni volte a contrastare la diffusione di notizie false e non veritiere (cosiddette “fake news”) e proporrà momenti formativi e di sensibilizzazione sull’argomento.

Nei confronti dei soggetti che adotteranno comportamenti sconvenienti o non rispetteranno le regole basilari della social media policy, l’Agenzia e il personale impegnato alla gestione e alla moderazione dei canali social si riservano il diritto di procedere con l’utilizzo dello strumento di “ban” o “blocco” dei contenuti falsi o scorretti.

Nei casi più gravi di violazione delle regole si procederà eventualmente con la segnalazione ai responsabili della piattaforma ed alle forze dell’ordine.

Sui canali social dell’Agenzia sarà favorita la massima interazione con cittadini e imprese, nei limiti delle regole su esposte e del buon senso comune.

Tutti i contenuti, i post, i commenti e i quesiti posti da cittadini e imprese saranno letti dal personale che fa parte del “social media team” (vedi infra) assegnato allo scrivente ufficio.

I canali social dell’Agenzia saranno aggiornati e monitorati dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 20 per fornire a cittadini e imprese, ove possibile, risposte immediate; in caso di quesiti complessi si chiederà il coinvolgimento delle diverse strutture pertinenti dell’Agenzia.
Il monitoraggio e le più elementari azioni di moderazione sono garantite anche durante le festività e i fine settimana.

Per segnalazioni sarà possibile scrivere all’indirizzo: comunicazione@agenziacoesione.gov.it

 

Social media team

La gestione e la moderazione dei canali social dell’Agenzia è in capo all’Ufficio 1 di Staff Direttore Generale, nell’ambito del Piano di Comunicazione 2017 e 2018 e del processo editoriale interno di recente approvazione e condivisione con gli uffici.

Il team è composto dal personale dell’Ufficio 1 di Staff Direttore Generale dell’Agenzia e dagli esperti incaricati di supportare l’ufficio nelle attività di comunicazione istituzionale.